Vivere Green

Nuova allerta per l’arsenico trovato nell’acqua nella grande città: la nota del sindaco e cosa bisogna fare

Se abitate a Roma o se vi trovate in vacanza per qualche giorno, sappiate che il sindaco Roberto Gualtieri ha prorogato nuovamente l’ordinanza che vieta di bere l’acqua del rubinetto nella zona servita dall’acquedotto Malborghetto. Qui, infatti, sono stati rilevati nuovamente livelli troppo alti di arsenico nell’acqua potabile da bere, motivo per cui è vietato berla. Il problema, però, è il fatto che questa situazione ormai va avanti sin dal 2014 e ancora non è stata trovata una soluzione.

Arsenico nell’acqua potabile di Roma: ecco dove

Ovviamente l’ordinanza non è valida per tutta Roma, ma si riferisce alle utenze servite dall’acquedotto Malborghetto, quello che fornisce l’acqua alla periferia nord del Municipio XV.

Il problema è che questa situazione assurda è ormai così dal 2014. In realtà, inizialmente, anche altri acquedotti romani erano stati interessati dall’ordinanza, solo che questi, nel corso del tempo, sono stati bonificati e messi in sicurezza.

L’unico acquedotto che, invece, non si riesce a ripulire dall’arsenico pare essere quello di Malborghetto, quello che serve le utenze fra i numeri civici 1700 e 2000 di via Flaminia e strade collaterali (quindi anche via Arcore, via Vignanello e via Malborghetto).

Panorama di Roma

L’acqua dell’acquedotto di Malborghetto risulta essere ancora troppo ricca di arsenico. Questo elemento, soprattutto se assunto ad alte concentrazioni, oltre ad essere un veleno, può favorire lo sviluppo di neoplasie della cute, dei polmoni e della vescica.

Gli attuali limiti di arsenico nell’acqua potabile sono di 10 μg/L, valore stabilito sia dall’OMS che dalla Direttiva 98/83/CE. Al momento sono 61 le famiglie e le utenze che non possono ancora usare l’acqua potabile del rubinetto. Questo almeno fino a quando Acea Ato 2 non finirà di costruire il nuovo acquedotto, lavori che andranno avanti per almeno un anno.

Un grave disservizio per tutte queste famiglie che si ritrovano senza acqua potabile per un lasso di tempo così lungo. E questo sempre che il nuovo acquedotto venga costruito nei tempi previsti e non ci siano ritardi.

Sempre a proposito di arsenico, fate attenzione alla sua possibile presenza nelle gallette di riso.